2-logo-centro-culturale1

 

 

 

Centro Culturale, perché?

don Piero Re, parroco, 1982

 

“Non vi sgomentate per paura di loro, non vi turbate, ma adorate il Signore, Cristo, nei vostri cuori, pronti sempre a rispondere a chiunque vi domandi ragione della speranza che è in voi” (1 Pietro 3,14).

 

“Fratelli, tutto quello che è vero, nobile, giusto, puro, amabile, onorato, quello che è virtù e merita lode, tutto questo sia oggetto dei vostri pensieri (Filippesi 4, 8).

 

“Non spegnete lo Spirito, non disprezzate le profezie; esaminate ogni cosa, tenete ciò che è buono” (1 Tessalonicesi 5, 19).

 

Quando nel 1972 si decise di erigere in parrocchia un Centro Culturale, fu proprio a queste espressioni di Pietro e Paolo che pensai. Chi rilegge lo Statuto che si stese, riconoscerà che lo scopo e le modalità che ci proponevamo altro non erano che un tentativo – modesto, ma concreto – di tradurre anche tra noi le preoccupazioni pastorali dei primi apostoli.

 

Quali le premesse inequivocabili, chiarite in non pochi incontri con quanti furono disposti a collaborare?

 

  1. Cristo è l’unico Salvatore dell’uomo e centro del cosmo e della storia (l’inizio della “Redemptor hominis” proclamava la singolarità ed il primato di Cristo). Se l’uomo chiede di conoscere la verità di sé, se desi­dera il perdono dei propri errori, se gli occorre nuova forza per il suo sviluppo integrale, se intende raggiungere il proprio destino e rinnovare la faccia della terra, non perda tempo. Deve incontrare e seguire Lui, “via, verità e vita” (Gv 14,6).

 

  1. Vivere e far vivere la fede in Cristo – c’è altro da fare nella comunità cristiana? – comporta allora il non ridurre la pratica cristiana ad un buon sentimento, ad una convivenza onesta, ad una difesa dagli attacchi esterni. Comporta il non separare l’essere in grazia di Dio e i momenti liturgici dal resto: nascere e morire, amare e soffrire, lavorare ed educare. La Chiesa non può limitarsi alla celebrazione del culto, non può accontentarsi di offrire al mondo un’assistenza sociale in più, non si deve chiudere nel privato.

 

  1. La Chiesa deve assumersi anche un compito cultu­rale qualificato, se vuole incarnare lo Spirito del Risorto in ogni tempo e luogo. Sottrarsi a tale lavoro sarebbe una sorta di tradimento della sua missione ed una grave inadempienza nei confronti della società stessa.

 

 

La cultura cristiana

Paolo Rivera, 2008

 

«La cultura può essere definita come coscienza critica e sistematica dell’esperienza umana in sviluppo» (Luigi Giussani). L’esperienza che abbiamo in comune è l’incontro con la presenza viva di Gesù Cristo risorto e la coscienza dell’appartenenza a Lui. Dall’immanenza alla comunità cristiana nasce un modo nuovo di giudicare la vita, i fatti che accadono, la realtà sociale e materiale che ci circonda; nasce l’ammirazione per la bellezza e la passione per la verità; in una parola, nasce la cultura cristiana, che è una scoperta continua della ricchezza e della profondità della sapienza e dell’amore di Dio e il lavoro teso alla manifestazione della Sua signoria. «Una fede che non diventi cultura sarebbe una fede non pienamente accolta, non interamente pensata, non fedelmente vissuta» (Giovanni Paolo II).

 

Annunci